Investire in ETF: Investire in Exchange Traded Funds | ETF Trading

Home » Investire in ETF: Investire in Exchange Traded Funds | ETF Trading

10 minuti

I fondi negoziati in borsa (ETF) hanno guadagnato popolarità negli ultimi anni a causa di diversi fattori. Semplici, diretti e convenienti, ti danno accesso a una vasta gamma di opzioni di investimento tra cui azioni, obbligazioni e beni immobili.

Vuoi saperne di più sugli ETF? Le informazioni presentate in questa guida sugli ETF sono un buon punto di partenza. In questa guida, parleremo degli ETF e ti guideremo attraverso le tue opzioni di investimento

Cos'è un ETF?

Un ETF, noto anche come exchange-traded fund, cerca di rispecchiare la performance di uno specifico indice azionario, settore o asset class.

Un ETF cerca di seguire la performance di uno specifico indice, settore o attività.

In molti modi, gli ETF sono paragonabili ai fondi comuni di investimento. A differenza dei fondi comuni, sono scambiati sul mercato azionario. Ci sono diversi tipi di ETF per ogni classe di attività di investimento, comprese le azioni, le obbligazioni, gli immobili e le materie prime.

La maggior parte degli exchange-traded fund (o ETF) sono scambiati vicino al loro valore. Il prezzo del fondo sarebbe molto vicino alla somma dei prezzi delle singole azioni se si sommano i valori per azione di tutte le azioni Se il prezzo sale (per il maggiore di) più di una piccola quantità, gli investitori istituzionali intervengono. Sfruttano questa piccola differenza. Le loro operazioni di arbitraggio ristabiliscono l'equilibrio.

Per citarne alcuni: Ci sono ETF per tutte le classi di attività, tra cui azioni, obbligazioni e materie prime.

Alcuni esempi di ETF includono:

  • Invesco (QQQ) è un fondo negoziato in borsa che segue il Nasdaq-100 Index™. L'indice include le 100 maggiori società non finanziarie quotate al Nasdaq. 
  • L'iShares Core High Dividend ETF (HDV) cerca di seguire i risultati degli investimenti di un indice composto da azioni statunitensi che pagano dividendi relativamente alti.
  • L'SPDR Gold ETF (GLD) è un fondo negoziato in borsa che segue la performance dell'oro. Avrai bisogno di un conto di trading con un broker di azioni o una piattaforma di investimento per comprare o vendere un ETF.

Quali sono i vantaggi degli ETF?

Ci sono una serie di vantaggi nell'investire in ETF.

Questi includono:

  • Vantaggi fiscali: Un ETF può fornire una maggiore varietà di benefici fiscali a un investitore di fondi rispetto a un investitore di fondi comuni aperti. Quando un investitore di fondi vende le sue azioni, anche le azioni sottostanti vengono vendute e il denaro viene dato a loro. Tutti coloro che detengono questo fondo comune potrebbero beneficiare di qualsiasi guadagno in conto capitale risultante. Non è necessario acquistare azioni o vendere azioni quando si fa trading in ETF; è semplicemente un modo per comprare e vendere ETF, e incassare o incassare le proprie partecipazioni.
  • Costi bassi: Una scelta ideale per gli investimenti: Gli ETF sono spesso molto economici quando si tratta di commissioni correnti I fondi gestiti attivamente costano generalmente di più, però.
  • Vantaggi di diversificazione: diversificare il tuo portafoglio con gli ETF è un modo semplice e indolore Quando usi un solo titolo, puoi avere accesso a centinaia di azioni diverse. Per esempio, l'Invesco (QQQ) ti dà la possibilità di investire in una miscela di 100 azioni diverse.
  • Accesso istantaneo a una vasta gamma di mercati: Possono essere un utile strumento di asset allocation in quanto ti aiutano ad avere accesso a varie classi di attività tra cui i mercati esteri e nazionali, così come i beni immobili. 
  • Trasparenza: Sono molto semplici, chiari e diretti. Poiché i fondi comuni non divulgano le loro partecipazioni, gli investitori in ETF sanno esattamente cosa c'è nel loro fondo quando comprano e vendono.
  • Facilmente negoziabili: Gli ETF sono comprati e venduti nel mercato pubblico, quindi sono molto liquidi. Un ETF può essere scambiato in qualsiasi momento della giornata, dalla mattina alla sera, giorno dopo giorno.

Tipi di ETF

Ci sono molti tipi di ETF disponibili per gli investitori oggi.

Alcuni dei principali tipi di ETF includono:

  • ETF su indici azionari: Si occupano di tracciare un indice come l'S&P 500, il FTSE 100, o il Nikkei 225 Diversi importanti ETF sul mercato azionario includono l'SPDR S&P 500 (SPY) e l'iShares FTSE 100 (ISF.L), che tracciano entrambi l'indice S&P 500. attraverso l'indice azionario fornisce all'investitore un'ampia esposizione ad un basso costo
  • ETF settoriali o industriali: Gli indici sono stati sviluppati per dare esposizione a settori specifici come la tecnologia, il settore immobiliare, le società finanziarie e altro. Un esempio di un fondo indicizzato è il Vanguard Real Estate Index Fund che offre esposizione al settore immobiliare.
  • ETF di stile: sono progettati per tracciare indici azionari che si basano su uno stile di investimento specifico. Per esempio, gli ETF basati sul valore si concentrano su aziende che hanno caratteristiche che si pensa siano di valore, come un basso rapporto prezzo-utili in settori stabili. Come l'energy select sector spdr fund (XLE)
  • ETF obbligazionari: Questi portafogli sono costituiti da obbligazioni che sono adatti a persone che vogliono un'esposizione al reddito fisso stabile. le obbligazioni possono includere titoli del Tesoro USA, obbligazioni ad alto rendimento e a reddito fisso.
  • Il ETF su materie prime: Sono utilizzati per seguire il prezzo di una merce come l'oro o il petrolio.
  • ETF immobiliari: Questi indici sono creati per seguire i valori dei vari mercati immobiliari. La strategia d'investimento mira a replicare da vicino la performance del Dow Jones US Total Stock-Based Real Estate Index, che ha come base solo titoli azionari statunitensi.
  • ETF a leva: sono progettati per amplificare le azioni sottostanti e il mercato complessivo. Esempio formale: Il Proshares Ultra S&P 500 ETF (SSO) fornisce il doppio del rendimento giornaliero dell'indice S&P 500. Gli ETF con leva possono aumentare i tuoi guadagni di investimento, ma anche aumentare il rischio di perdite.
  • ETF inversi: Sono creati per beneficiare gli investitori di un calo dell'indice sottostante o del prezzo di mercato. Quando l'indice sottostante scende, l'ETF inverso sale. Una dimostrazione dei fondi inversi è il fondo UltraPro Short Q (SQQQ). Se l'indice sottostante, il NASDAQ, scende, questo ETF sale. Se si considera il portafoglio di questo particolare exchange-traded fund, esso offre il triplo dell'esposizione regolare.

Come funziona l'investimento in ETF

Il trading e l'investimento in ETF è abbastanza semplice. Ecco uno sguardo alle basi.

Trarre profitto da un mercato in crescita

Se pensate che un indice o un bene (come il petrolio) aumenterà di prezzo, investirete in un fondo che segue quell'indice o bene. Questo è indicato come long.

Allo stesso modo, se si pensa che l'indice S&P 500 salirà in futuro, si acquisterà un fondo negoziato in borsa come lo SPDR SPY (SPY), che segue la performance dello S&P 500.

Se l'indice S&P 500 sale, il tuo investimento (SPY) aumenterà di valore e potrà essere chiuso con un profitto. Tuttavia, se l'indice S&P 500 scende, anche il valore del tuo ETF salirà.

Trarre profitto da un mercato in calo

Investire in un ETF partendo dal presupposto che un indice di mercato o un bene scenderà di prezzo sarà redditizio. Andare allo scoperto è noto come rischioso, ma redditizio.

Contratti per differenza (CFD). Il trading di CFD permette agli investitori e ai trader di beneficiare dei movimenti di prezzo senza possedere effettivamente il titolo sottostante.

Per esempio, se prevedi che lo S&P 500 scenderà nei prossimi tre mesi, puoi piazzare un ordine SELL sullo SPY (cioè sull'indice azionario S&P 500).

Nel caso di un calo dello S&P 500, puoi guadagnare andando allo scoperto. Avrai una perdita anche se l'indice S&P 500 sale.

Per dirla in un altro modo, puoi investire in ETF inversi, che salgono quando il mercato scende.

Dividendi

Il pagamento dei dividendi può essere una terza possibile fonte di profitto.

I dividendi sono entrate pagate dalle aziende in contanti agli azionisti. Le aziende ben consolidate non sempre pagano i dividendi, ma alcune lo fanno.

Se investi in titoli che pagano dividendi in un ETF, riceverai regolarmente i dividendi.

Per esempio, l'ISF UCITS ETF -che ha i dividendi di una grande componente di partecipazioni quotate alla Borsa di Londra- distribuisce regolarmente dividendi.

Commissioni degli ETF

Gli ETF hanno due diversi tipi di commissioni.

Queste sono:

  • Commissioni di trading: Una commissione di intermediazione: è la tassa che i broker e le piattaforme di investimento addebitano per piazzare un'operazione.
  • Spese correnti: la tassa addebitata dalla società del fondo. Il “total expense ratio” viene chiamato “costo totale” Le spese generalmente sono minime. Per esempio, le spese correnti dell'ETF SPDR S&P 500 (SPY, indice 00) vanno in genere dallo 0,09% allo 0,5% all'anno.

La migliore piattaforma per il trading di ETF

Piattaforma di trading Costi ETF
disponibili
Recensione Leva Sito Deposito minimo
1Admiral Markets recensioni (1) *costi
zero
  • Spread da 0,7 pip
376
  • 1:20
  • $1000
2etoro recensioni *costi
zero
  • Costi applicabili per posizioni corte o a leva.
249
  • 1:2
  • $200
3XTB Recensioni *costi
zero
  • Costi applicabili per posizioni corte o a leva.
140
  • 1:10
  • 500
4Skilling Recensione *Spread
basso
  • Spread a partire da 0,03 pips
40
  • 1:5
  • $1000

Rischi di investire in ETF

Il trading e l'investimento comportano rischi in tutte le forme. Gli ETF e gli Exchange Traded Funds non fanno eccezione.La più grande minaccia per i trader e gli investitori di ETF è il rischio del mercato.La minaccia che l'attività o l'indice sottostante scenda di valore.Se l'indice o l'attività sottostante scende, il valore del tuo ETF diminuirà. Così, se compri un ETF sull'indice S&P 500 come SPY, perderai circa il 20% del valore del tuo investimento.Se il prezzo dell'oro scende del 20%, anche il tuo investimento nell'SPDR Gold Fund (GLD) lo farà.Per dirla in un altro modo, gli ETF con leva comportano un rischio aggiuntivo.Inoltre, se acquisti un ETF sull'indice S&P 500 con leva e l'indice perde il 10%, sperimenterai un calo del 20% del valore

Strategie di gestione del rischio

Non è possibile eliminare completamente il rischio quando si investe in ETF, ma varie strategie di riduzione del rischio possono aiutare a minimizzarlo.

Utilizzare un portafoglio diversificato è una tecnica di riduzione del rischio Questo significa diversificare attraverso diversi investimenti in modo da non essere esposti a un singolo investimento. Il portafoglio diversificato può avere esposizione ad azioni, obbligazioni ed ETF.

Per gli ETF indicizzati, la durata del tempo in cui un investitore prevede di tenere i suoi investimenti azionari è un altro fattore che aiuta a diminuire il rischio di perdita. Di conseguenza, nel breve termine, i prezzi delle azioni possono cambiare rapidamente. nel lungo termine, tuttavia, il mercato azionario tende a salire C'è meno di un rischio di perdere denaro se si mette lo stesso importo per un periodo di tempo più lungo.

Oltre a utilizzare un obiettivo di profitto accettabile, gli ordini di “stop loss” sono utilizzati come strumento di gestione del rischio. Piccole perdite possono aiutare a chiudere gli investimenti prima che si trasformino in grandi perdite.

Come scegliere un ETF

Ci sono centinaia di fondi negoziati in borsa a disposizione degli investitori oggi.

Il primo passo nella scelta di un ETF è quello di definire i vostri obiettivi di investimento e la vostra tolleranza al rischio.

I seguenti sono alcuni degli obiettivi e delle finalità più comuni:

  • Investire nel mercato azionario o in un settore specifico per aumentare il capitale.
  • Investire in società che pagano dividendi per generare un reddito passivo
  • In aggiunta, investire in una varietà di classi di attività, come azioni, obbligazioni e materie prime, per diversificare il proprio portafoglio.
  • Coprire il proprio portafoglio da rischi come il calo dei prezzi delle azioni o la fluttuazione dei tassi di cambio

Una volta che hai identificato i tuoi obiettivi e le tue mete, puoi identificare un ETF che sia in grado di aiutarti a soddisfarli e che serva il tuo profilo di rischio

Una volta che hai preso in considerazione migliaia di ETF come ETF indicizzati, ETF settoriali e ETF inversi, scoprirai il fondo che desideri.

Riassunto

Un ETF, o exchange-traded fund, ha gli stessi obiettivi di un fondo comune, ma scambia come un'azione invece di detenere un'attività per seguire un indice.

Per una migliore informazione degli investitori, un ETF è scambiato in borsa. Proprio come le azioni, si tratta di oggetti commerciabili che possono essere scambiati liberamente. Per investire in un ETF, è necessario avere già un conto di intermediazione o una piattaforma di investimento con un broker di azioni.

C'è una vasta gamma di ETF che scambiano quasi ogni tipo di classe di attività, tra cui azioni, obbligazioni, beni immobili e materie prime. Le cose migliori degli ETF includono i loro costi relativamente bassi, i benefici di diversificazione, l'accessibilità istantanea e la trasparenza. Ci sono numerosi fondi negoziati in borsa, tra cui indici settoriali e obbligazionari, azioni e materie prime, stile, exchange traded funds e ETF con leva. Il rischio principale degli ETF è il rischio di mercato. Per tutte le parti interessate, questo rappresenta il rischio che l'attività sottostante o l'indice di mercato diminuisca di valore. I rischi dell'investimento in ETF possono essere minimizzati dalla diversificazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2023 Cryptostec